Axe Italia

Axé è Arteducazione

Nel mese di dicembre grazie al progetto FamÍliaxé sostenuto dalla CEI – Conferenza Episcopale italiana, Projeto Axé ha potuto acquistare e distribuire in comodato 300 cellulari ai referenti famigliari dei nostri educandi per permettere loro di continuare a partecipare al corso di formazione “Scuola delle mamme”.

Testo di Elaine Lubarino – Direttrice dell’area Famiglia di Axé Brasile. (Dicembre / 2020).

Stato avanzamento progetto Familíaxé – Brasile – 2020/2021

Un grande conquista ha segnato il mese di dicembre per i familiari assistiti da Projeto Axé in collaborazione con la CEI–Conferenza Episcopale Italiana.

I famigliari dei nostri educandi hanno beneficiato per la prima volta in forma di comodato, di un telefono cellulare con custodia e di un Sim-TIM con accesso a internet per consentire loro di mantenere la relazione educativa con Axé attraverso la partecipazione a riunioni virtuali per il percorso formativo “Scuola delle Mamme” e consentendo ai loro figli di partecipare alle attività arteducative da remoto.

La prima tappa di questa azione è avvenuta tra il 15/12/2020 e il 21/12/2020 periodo in cui sono stati distribuiti i primi 212 cellulari. Nella stessa settimana, sabato 19, si è tenuto il 10 ° incontro della formazione “Scuola per Mamme”.

Pur con qualche difficoltà di adattamento alla piattaforma adottata (Microsoft Teams), abbiamo registrato circa 211 mamme presenti all’incontro, durante il quale abbiamo discusso dei rischi legati all’uso del cellulare e delle ansie condivise da mamme ed educatrici sull’avanzata della pandemia e delle possibilità dell’arrivo di un vaccino.

Siamo rimasti molto soddisfatti del coinvolgimento online di così tante madri che, potendo usufruire del dispositivo mobile con connessione, hanno raggiunto il maggior numero di partecipanti da quando è scoppiata la pandemia.

I famigliari hanno espresso gratitudine riconoscendo il lavoro che il Projeto Axé e il suoi partner stanno svolgendo per supportarli in particolar modo in questa fase di emergenza pandemica.

La soddisfazione da parte dei famigliari è stata espressa per le azioni emergenziali che sono state messe in campo da Progetto Axé: dall’accoglienza a distanza alle ceste alimentari e i kit igienico-sanitari, sino a questo nuovo supporto tecnologico.

Tanti i messaggi, i video e le foto di affetto e gratitudine che testimoniano quanto il nostro cammino stia andando nella giusta direzione.

Sta terminando l’anno 2020 e riconosciamo quanto sia stato faticoso e pieno di sfide ma nutriamo rinnovata energia grazie alla consapevolezza che anche in condizioni così avverse siamo riusciti a dare risposte concrete ed efficaci creando nuove possibilità educative e di sostegno alle fasce più povere e vulnerabili.

Tutto ciò è stato realizzato grazie al nostro impegno unito alla fiducia e alla disponibilità dei nostri partner che, anche nelle situazioni più difficili, non hanno mai smesso di lottare insieme a noi.

Elaine Lubarino

(Direttrice dell’area Famiglia di Axé Brasile)

(Per saperne di più sul progetto “Familiaxé. Un progetto politico-pedagogico pe ril rafforzamento delle famiglie degli educandi/educande” segui questo link.)